EMI
EMI
Sei qui: HomeChi siamoMission e Vision

testa 10 21

Mission

La missione della Stazione Zoologica è la ricerca sui processi fondamentali della biologia, con specifico riferimento agli organismi marini e alla loro biodiversità, in stretto legame con lo studio della loro evoluzione e della dinamica degli ecosistemi marini, attraverso un approccio integrato e interdisciplinare. Lo studio delle applicazioni biotecnologiche conseguenti è parte della missione dell’Ente.

MISSION3

Le ricerche nel campo della biologia marina, oltre a consentire avanzamenti delle conoscenze di base, hanno spesso una valenza biomedica. Ne costituiscono esempi illuminanti i premi Nobel per la Fisiologia e Medicina ottenuti da eminenti studiosi per studi condotti su organismi marini. La recente acquisizione di genomi di numerosi organismi marini e la crescente facilità di ottenerne di nuovi, la possibilità di utilizzare nuove metodologie della cosiddetta genetica inversa e della microscopia avanzata, aprono nuovi fronti di investigazione nel settore della Biologia. Inoltre, l’esplorazione della biodiversità presente nei mari viene sempre più ritenuta un settore da cui deriveranno avanzamenti fondamentali relativi alla conoscenza di meccanismi biologici di base, di nuove sostanze bioattive e dei meccanismi che intervengono negli equilibri climatici globali.

Nel panorama degli Enti di ricerca nazionali e internazionali l’originalità dell’Ente deriva da alcune caratteristiche chiave:

  • La co-esistenza di ricerca biologica ed ecologica, elementi essenziali per una comprensione degli equilibri complessivi dell’ambiente marino e dei meccanismi di base che lo governano.
  • La capacità di avvalersi di un approccio multidisciplinare che include la genetica, la biologia cellulare e dello sviluppo, la fisiologia, l’ecologia e l’oceanografia.
  • La capacità di esplorare e sviluppare metodologie e protocolli sperimentali che rappresentano riferimento per importanti ricerche trasferite in altri sistemi e/o organismi.
  • Le competenze su un ampio spettro di organismi, che permettono ai ricercatori dell’Ente di affrontare problemi ecologici valutando l’apporto della componente biologica nella sua complessità.

Oltre alle specifiche attività di ricerca, la missione della Stazione Zoologica - coerentemente con la sua tradizione - è tutt’oggi quella di:

  • offrire accesso all’utilizzo di organismi marini per la comunità scientifica internazionale;
  • fornire consulenza qualificata ad enti pubblici;
  • offrire formazione ad alto livello.

In particolare, la capacità di sviluppare attività di ricerca e contemporaneamente di fornire servizi scientifici specializzati ad alto impatto tecnologico e con approccio multidisciplinare rappresenta il principale punto di forza della Stazione Zoologica Anton Dohrn; caratteristica che la rende unica rispetto alle strutture di ricerca nazionali.

Vision

La Stazione Zoologica Anton Dohrn ambisce a consolidare il proprio ruolo come riferimento nazionale ed internazionale per le competenze nel settore della biologia marina.
Riteniamo che la biodiversità marina sia la più grande fonte di conoscenza ancora inesplorata del Pianeta e che le ricerche che condurremo nei prossimi anni forniranno un contributo importante all’avanzamento delle conoscenze e nuovi strumenti per lo sviluppo sostenibile.

Affrontare nuove sfide della ricerca marina

Lo sviluppo di nuove tecnologie che permettono di studiare la biologia degli organismi dalle molecole alla scala globale offrono opportunità di ricerca senza precedenti. Queste opportunità possono essere colte dotandosi delle migliori strumentazioni ed infrastrutture per la ricerca, cogliendo la sfida della complessità che caratterizza il vivente e potenziando le risorse umane in grado di trasformare la ricerca in dati ed i dati in conoscenza. Per quanto siano stati fatto notevoli passi avanti negli ultimi 3 decenni nel processo di integrazione delle conoscenze e della multidisciplinarità, resta ancora molto da fare per sfruttare a pieno le potenzialità offerte dall’integrazione di diversi approcci scientifici. La SZN intende cogliere queste opportunità, da un lato aprendosi sempre di più alla collaborazione intersettoriale con aree non di propria competenza (geologia, chimica, fisica, economia, ingegneria) e dall’altro nel potenziare ancora di più la propria competenza multidisciplinare all’interno dell’Area Biologia (che vede, attualmente, biologi marini e biologi fondamentali, biologi della riproduzione e dello sviluppo, zoologi, botanici, ecologi, eco-fisiologi, biologi comportamentali, biologi evoluzionistici, genetisti, biochimici, bio-informatici et alia).

Priorità della ricerca biologica marina della SZN nel decennio 2015-2025

  • Biodiversità marina: verso approcci innovativi ed integrati.
  • Organismi marini modello: nuove opportunità per la ricerca biomedica.
  • Genomica marina: comprendere struttura e funzione dei geni in organismi del Mediterraneo.
  • Evoluzione biologica: integrare epigenetica, genetica, ecologia e comportamento.
  • Adattamenti ad ambienti marini estremi: nuove opportunità di conoscenza dei limiti della vita.
  • Biotecnologie marine: per industria, alimentazione, medicina ed ambiente.
  • Cambiamenti globali: comprendere e prevedere la risposta degli ecosistemi marini con focus sul Mediterraneo.
  • Conservazione: proteggere le risorse biologiche e ambientali e rendere sostenibile la crescita blu.
  • Energia: verso fonti alternative e rinnovabili dal mare.


Scarica il documento di vision 2015-2025

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie. > Leggi di più